Pancakes di patate e cipolla

Sono certa che succede a tutti e non solo a me di arrivare tardi alla sera, di dover preparare una cena in poco tempo e scoprire di non avere un granchè nella dispensa. Vabbe dai…questo non vuol dire che non si puo avere lo stesso una cena deliziosa con quale chiudere in un modo piacevole la nostra giornata. Si puo e anche con pocchi sforzi.

Questa ricetta di pancake di patate e cipolla diomostra la mia teoria.

Pancakes di patate e cipolla

Pancakes di patate e cipolla. Ingredienti:

  • 2 patate grandi, circa 350 grammi
  • 1 uovo
  • 1 cipolla
  • 2 cucchiai di farina 00
  • 1 pizzico di noce moscata
  • 1 pizzico di sale

Pancakes di patate e cipolla. Procedimento:

Pelate le patate e tagliatele a cubetti. Pulite la cipolla e taglatela sempre a cubetti. Trasferite tutto in un robot di cucina e tritate fino ad ottenere un composto omogeneo, quasi cremoso. Aggiungete l’uovo, la farina, il sale e la noce moscata. Mescolate.

Riscladate un filo d’olio in una padella antiaderente. Mettete nella padella un piccolo mestolo dal vostro impasto e date una forma rotonda alle vostre pancake. Cuocete su entrambi due lati le vostre pancake (circa 2 minuti per parte).

Servitele calde. Sono da provare anche con una cucchiaino di formaggio fresco (tipo philadeplhia) mescolato con un tritto di erbette fresche (erbacipollina, timo, prezzemolo).

Il mio consiglio è di preparare una porzione abbondante di queste pancake perché andrano di sicuro a ruba.

Polpette di pollo e piselli

Il petto di pollo non manca mai dal mio carrello della spesa. Lo prendo sempre perché mi sembra la materia prima  magari più facile da trasformarla. Il petto di pollo mi salva sempre e non rischio di diventare noiosa nei miei piatti. Potrei prepararlo ogni giorno e sempre in modo diverso.

Non so come siete voi, ma a me non piace di ripetere spesso i miei piatti. Quello che veramente mi piace e mi colpisce lo rifaccio, ma deve passare un bel po’ di tempo prima di riproporlo. Ho sempre tantissime nuove idee e tantissime nuove cose che vorrei provare.

Visto che parlavo del petto di pollo avete già capito che oggi il protagonista è lui e per questa volta prenderà la forma delle polpette, che diventano sempre una buona scelta e che piacono sempre a tutti.

Polpette di petto di pollo

Polpette di pollo e piselli. Ingredienti:

  • 500 g petto di pollo
  • 200 g piselli (surgelati vano benissimo)
  • 2 uova
  • prezzemolo
  • 1 cipolla
  • 3 cucchiai parmigiano grattugiato
  • sale
  • pepe
  • 2 cucchiai olio extravergine di oliva

Per impanare:

  • 2 uova
  • 4-5 cucchiai pangrattato

Per friggere:

  • olio di semi

Polpette di pollo e piselli. Procedimento:

Pulite la cipolla e tritatela finemente. Fatela rosolare leggermente con 2 cucchiai di olio evo. Aggiungete i piselli. Salate e pepate. Coprite e lasciate andare al fuoco basso per circa 20 minuti, aggiungendo ogni tanto acqua calda.

Tagliate a fette il petto di pollo. Riscaldate una bistecchiera e cuocete il petto di pollo 2 minuti per parte. Fate raffreddare le fette di petto di pollo e li tritate con un robot da cucina finché ottenete un composto omogeneo che lo trasferite in una bacinella. Aggiungete il prezzemolo tritato, il parmigiano e le uova. Mescolate per bene tutto. Aggiungete i piselli. Aggiustate di sale e pepe e formate le vostre polpette.

Friggete le polpette in abbondante olio di semi finché avranno un colore dorato (circa 3-4 minuti). Scolatele bene e fattele asciugare su carta paglia o carta di cucina.

Sono buonissime sia come aperitivo insieme ad un bel bicchiere di prosecco fresco, sia come un secondo accompagnate di una purea di patate.

Torta salata con lattuga e ricotta

Adoro svegliarmi alla mattina e sentire il profumo del caffè o delle brioche appena sfornate. Mi dà tanta fiducia in me stessa. La giornata inizia decisamente bene.
Adoro passare vicino ad un fornaio e sentire il profumo del pane appena sfornato. Mi crea tanta nostalgia, mi ricorda la nonna, gli anni dell’infanzia.
Amo entrare in una casa e sentire profumo di biscotti. Mi fa sorridere, mi crea il sentimento di famiglia felice, di festa.
Amo il profumo del cibo. Mi sembra pieno di passione, di vita, di significati, di sentimenti.
Per questo oggi vi propongo una torta salata che ho appena sfornato; semplice ma cosi profumata che la mangi assaporandola.
Torta salata con lattuga e ricotta

Torta salata con lattuga e ricotta. Ingredienti:

  • 120 g farina 00
  • 1 uovo
  • 200 g ricotta
  • 1 cipolla piccola
  • 1 spicchio d’aglio
  • 100 g caprino (o un formaggio fresco)
  • 400 g lattuga
  • 25 g parmigiano grattugiato
  • noce moscata q. b.
  • olio EVO
  • sale
  • pepe

Torta salata con lattuga e ricotta. Procedimento

Mescolate la farina con 50 ml acqua tiepida, un pizzico di sale e un cucchiaio di olio. Impastate fino ad ottenere una pasta liscia. Avvolgete l’impasto ottenuto nella pellicola e  lasciatelo riposare circa mezz’ora nel frigo.

Intanto lavate la lattuga. Tagliatela a striscioline.

Tagliate la cipolla grossolanamente e fattela rosolare in una padella con un filo d’olio e un spicchio di aglio schiacciato. Unitela lattuga. Salate e fatte cuocere qualche minuto fino che si evapora l’acqua di vegetazione. Spegnete il fuoco e fatte raffreddare la lattuga.

Aggiungete la ricotta, il caprino, il parmigiano, l’albume di uovo, un pizzico di noce moscata e mescolate per bene.

Stendete la pasta sottile e mettetela su un stampo tondo, con un diametro di 22 cm coperto con carta da forno.

Mettete sopra il composto di lattuga e formaggio. Chiudete i bordi e li spennellate con il rosso d’uovo. Infornate la torta per circa 30 minuti a 180 gradi, a  forno preriscaldato.

Servite la torta salata tiepida o anche fredda.

Riso ai gamberoni, carote, zuchine e profumo di cury

Riso ai gamberoni, carote, zucchine e profumo di curry…ecco cosa ho cucinato io oggi per pranzo. Di solito fine settimane a pranzo mi tocca sempre cucinare pasta perché il mio marito lo adora. Non è che il riso non li piace ma un piatto di pasta lo fa sempre più contento. Oggi invece a me andava qualcosa di più leggero e ho deciso di conquistare il mio marito con un piatto di riso. Visto la giornata grigia di oggi mi serviva un piatto pieno di colore per contrastare e cosi nasce questo piatto.

Riso ai gamberoni, carote, zucchine, profumo di curry

Riso ai gamberoni, carote, zucchine e profumo di curry. Ingredienti (per 2 persone):

  • 6/8 gamberoni sgusciati
  • 120 g riso a cinque cereali
  • 2 carote
  • 1 zucchina
  • 1/2 cucchiaino curry
  • 1 pizzico curcuma
  • 1 spicchio d’aglio
  • sale fino e grosso
  • olio EVO

Riso ai gamberoni, carote, zucchine e profumo di curry. Procedimento:

Mettete in una pentola l’acqua per il riso a bollire. Quando l’acqua inizia a bollire aggiungete del sale grosso e il riso. Fattelo bollire quanto indicato sulla confezione e scolatelo.

Lavate e mondate le carote e le zucchine. Grattugiatele sulla grattugia grande. Fatele saltare in una padella con un filo d’olio. Aggiungete sale, curcuma e curry e mescolate. Spegnete il fuoco.

Fatte rosolare l’aglio con un filo d’olio. Aggiungete le code di gamberi. Saltateli per 3-4 minuti. Aggiungete le carote e le zucchine e il riso bollito. Mescolate e servite.

Gnocchi alla gorgonzola, speck e rucola

Nella mia opinione, gli gnocchi sono stati una delle più grandi invenzione della gastronomia italiana. Ecco anche il perché della loro diffusione maggior parte delle cucine del mondo, sotto diverse forme.

Ma quanto buoni possono esserci. Piacciono a tutti e danno la possibilità di essere adattati a tutti i gusti potendo essere conditi in una infinità di modi.

I gnocchi sono una delle pietanze che io non rifiuterei mai, di quale non mi stanco mai e che sopratutto adoro preparare.

Per questi primi giorni di novembre, primi giorni di freddo mi sa che ci puo stare un bel piatto di gnocchi conditi con della gorgonzola e dello speck.

Gnocchi alla gorgonzola, speck e rucola. Ingredienti (per 6 persone):

  • 500g di patate per gnocchi
  • 1 uovo piccolo
  • 150 g di farina 0
  • sale
  • pepe
  • noce moscata
  • 125 g gorgonzola
  • 125 g speck
  • 25 g rucola
  • un bicchiere di panna per cucina
  • 80 g burro
  • parmigiano grattugiato
  • olio extravergine di oliva

 

Gnocchi alla gorgonzola, speck e rucola. Procedimento:

Lavate le patate e mettetele a bollire in una pentola con acqua salata. Quando le patate risulteranno bollite (fate la prova con la forchetta), scolatele e da calde sbucciatele e schiacciatele con una schiaccia patate trasformandole in una purea.

Trasferitele su una spianatoia infarinata. Aggiungete un pizzico di sale, di noce moscata e la farina e impastate per bene. Aggiungete l’uovo e imapastate finché il vostro impasto risulterà compatto e senza grumi.

Tagliate l’impasto in più parti e ricavate dei bastoncini con un diametro di circa 2-3 cm. Tagliatele ad una lunghezza di circa 4 cm. Passate ogni gnocco sui denti della forchetta per formare delle righe. Lasciateli riposare coperti con un canavaccio per circa 15 minuti. Bolliteli in abbondate acqua salata.

Scolateli subito che arrivino a galla.

Per il condimento: fatte sciogliere burro in una padella. Aggiungete la gorgonzola tagliata a cubetti, la panna e mezzo bicchiere di acqua di cottura dei gnocchi. Regolate di sale  e pepe. Mescolate tutto a fuoco basso fino ad ottenere un sughetto cremoso.

Fra tempo in una altra padella rosolate lo speck tagliato a striscioline a fuoco basso.

Lavate la rucola e tagliatela fine.

Aggiungete gli gnocchi al sughetto di gorgonzola e saltateli insieme allo speck. Servite con una manciata di rucola fresca sopra.

Gnocchi alla gorgonzola, speck e rucola. Qualcosa in più

Servite questo piatto insieme ad un bicchiere di Merlot o un Pinot Noir.

Cookies ai cereali

I cookies ai cereali sono uni dei cookies che  preparo più spesso. Perché? E’ semplice! Perché piacciono tanto pure a me. Mi piace sentire il croccante dei cereali per la colazione dentro un cookie.  Stano proprio bene insieme ad una tazza di cappuccino a colazione ma non sono da scartare ne anche come merenda.

Si…E’ vero. Mi piace tanto cucinare per gli altri, vedere come la mia cucina crea felicità. Mi dà tantissima soddisfazione. Però, ogni tanto devo ammettere che mi piace anche coccolare me stessa con le mie prelibatezze.

Cookies ai cereali. Ingredienti:

  • 100 g di farina integrale
  • 200 g di farina bianca 00
  • 3 uova
  • 150 g burro
  • 300 g di cereali per colazione (potete usare quelli di mais, o quelli integrali, queli di riso, insomma quello che di più vi piace)
  • 100 g zucchero di canna
  • 1/2 cucchiaino di lievito per dolci
  • 1 pizzico di sale
  • 1 cucchiaino di vanillina

Cookies ai cereali. Preparazione:

Mescolate le farine insieme ai cereali sbriciolati, il sale, zucchero, lievito, vanillina. Aggiungete il burro sfuso e raffredato e le uova. Mescolate tutto per bene. Non avete bisogno di una planetaria per questi cookies. L’impasto si fa benissimo e anche veloce a mano.

Date all’impasto la forma di un salame e mettetelo in frigo. Lasciatelo riposare per circa 30 minuti.

Intanto accendete il forno e impostatelo a 180 gradi.

Tagliate il vostro salame a fette con un spessore di circa 1,5 cm. Mettete i biscottoni su una placca da forno coperta con carta da forno. Infornateli per circa 15 min.

Orecchiette al pesto di zucchine

Niente da fare… Non c’è rimedio. Non riesco a spiegarmi come è successo ma neanche quando di preciso.  Non riesco a capire qual è stato il momento fulminante… Poteva essere quel lunedì sera al laboratorio di cucina. O magari quella domenica d’agosto nella mia cucina o quel sabato di settembre nella cucina di mia mamma, o un altro momento, o magari un insieme di momenti… Mah… Non saprei dire, però è successo. Mi sono innamorata…si …mi sono inamorata della pasta fresca. Amo impastarla, amo lavorarla, amo sentire la sua morbidezza nelle mie mani, amo guardarla mentre riposa, amo stenderla, tagliarla in diverse forme, amovederla venire a galla, amo il suo sapore.

Per me è addirittura terapeutico impastare la pasta. Scarichi tutta l’energia negativa. E’ una cosa che mi fa stare bene.

Ultimamente non vedo l’ora di avere una mezzora libera, per me, per correre in cucina e impastare. Per oggi vi propongo delle ORECCHIETTE CON FARINA INTEGRALE E PESTO DI ZUCCHINE

Orecchiette al pesto di zucchine. Ingredienti (per 2 persone):

  • 150 g semola di grano duro
  • 50 g farina integrale
  • 1 pizzico di sale
  • 100 g di acqua tiepida
  • 1/4 aglio
  • 1 mazzetto piccolo di basilico
  • 15 g pinolo
  • 15 g noci
  • 1 manciata di pecorino grattugiato
  • 4-5 pomodorini
  • olio EVO

Orecchiette al pesto di zucchine. Procedimento

Su una spianatoia, mescolate le farine insieme. Aggiungete il sale e l’acqua un po’ alla volta e impastate bene per circa 10-15 minuti dopodiché avvolgete l’impasto in un canovaccio umido o in una pellicola e fattelo riposare per circa 15 minuti.

Nel fratempo tagliate a cubetti le zucchine e rosolatele con un filo d’olio. In un robot da cucina mettete insieme le zucchine, i pinoli, le noci, l’aglio, il pecorino, il basilico e 2 cucchiai di olio evo. Tritate tutto e avrete pronto il pesto di zucchine.

A questo punto potete iniziare la preparazione delle orecchiette: staccate un pezzetto dell’impasto e lavoratelo sulla spianatoia infarinata fino a ottenere un cilindretto dello spessore di una penna. Tagliatelo a pezzi di circa 1 cm di lunghezza. Con la punta arrotondata di un coltello strascinate ogni pezzetto sulla spianatoia in modo che la pasta, curvandosi diventa come una conchiglietta. Appoggiate ogni conchiglietta sulla punta del vostro pollice e rovesciatela all’indietro per dargli la forma dell’ orecchietta. Appoggiate le orecchiette sulla spianatoia e fattele riposare per un altra mezzora (si possono anche preparare alla mattina presto e lasciarle asciugare fino a mezzogiorno o anche alla sera per il mezzogiorno prossimo).

Fatte bollire le vostre orecchiette in abbondante aqua salata. In una padella rosolate i pomodorini tagliati concassè con un filo d’olio. Aggiungete il pesto e le orecchiette. Per dare una cremosità in più al pesto potete aggiungere un mestolo di acqua di cottura(serve anche per legare meglio la pasta).

Saltate la pasta e servite.

Farete colpo con questo piatto. Ve lo assicuro. Bello, buono, salutare e belli colori.

Orecchiette al pesto di zucchine. Qualcosa in più.

Potete preparare una porzione più abbondante di orecchiete e conservare la parte non condita in frigo in un contenitore coperto per 3-4 giorni.

Dolce alle mele della mia nonna

Questo dolce così semplice, così banale, ma nello stesso tempo così buono e genuino era come un bacio di benvenuto a casa  da parte della mia nonna. Non mancava mai il suo dolce alle mele.

A parte tutte le bontà con quale mi aspettava sempre quando tornavo dai miei lunghi viaggi dove facevo balli folclorici, quando tornavo a casa per le vacanze universitarie o piu tardi per le ferie, il suo dolce alle mele era sempre un bonus. Mi ricordo come si riempiva di gioia quando io iniziavo la mia scoperta tra le sue pentole e lei continuava a darmi dei suggerimenti per facilitare la mia indagine: “guarda anche nel frigo, guarda anche nel forno, guarda anche li e anche là…e ti ho fatto per fino il dolce alle mele”…finiva sempre così. Ovvio era la prima cosa che assaggiavo, al volo, prima di farmi la doccia e mettermi al tavolo. Era la cosa che mi tappava il vuoto nello stomaco.
E’ stato bello tornare adesso a casa, pure sapendo che era impossibile trovare lei, e trovare lo stesso dolce fatto seguendo la sua ricetta (grazie mamma). Una sensazione strana: alzare il canovaccio che copriva la teglia e vedere il suo dolce. L’avrei mangiato tutto, e questa volta non per tappare un buco nello stomaco, ma per tappare un vuoto enorme, un vuoto lasciato dalla sua mancanza. Ti amo nonna.

Il dolce alle mele della mia nonna. Ingrendienti:

  • 2 cucchiai di strutto
  • 2 uova
  • 1 tazza di latte
  • 3-4 cucchiai di panna
  • 1 cucchiaio di lievito per i dolci
  • 700 g di farina
  • 1 kg di mele
  • 4-5 cucchiai di zucchero (dipende dalla dolcezza delle mele)
  • 1/2 cucchiaino di cannella
  • 1 cucchiaio di semolino
  • zucchero a velo qb

Il dolce alle mele della mia nonna. Procedimento:

Mescolate il latte con le uova, la panna e il strutto. Aggiungete la farina insieme al lievito in polvere e lavoriate per bene il vostro impasto. Avvolgetelo con la pellicola. Mettetelo in frigo per 30-45 minuti. Intanto sbucciate le mele e grattugiatele. Mescolatele con lo zucchero e la cannella.
L’impasto lo dividete in due. Stendete la prima parte con un mattarello e la mettete in una teglia coperta con carta da forno. Bucherellate l’impasto e spolverate sopra del semolino.  Strizzate le mele e le disponete sopra l’impasto. Spolverate di nuovocon  del semolino.

Stendete l’altra parte del impasto e lo sistemate sopra le mele. Chiudete per bene i bordi. Bucherellate l’impasto sopra con una forchetta. Infornate il dolce alle mele a 180 gradi per circa 40 minuti, forno preriscaldato.

Quando si raffredda un po’, spolverate sopra zucchero a velo e lo tagliate.

È ideale per colazione o merenda ma anche come dessert fine pasto.

Brownie alle noci

Finalmente… il mio primo articolo su questo blog. Lo sognavo da tanto tempo, ma non era mai il momento giusto, c’erano sempre altre priorità, altre cose da finire, da fare. Pero adesso basta!!! E’ arrivato anche il mio momento. E’ arrivato il momento di crederci, di dare importanza sopratutto a quello che voglio io, di mettere me stessa in primo piano e non sempre gli altri, di far sentire la mia voce.

E’ arrivato finalmente il momento della mia cucina, la cucina dei tutti giorni, una cucina normale, con limiti, mancanze, con tempi strettissimi a volte, con diverse prove, non sempre di grande successo, pero che mi fa sempre stare bene e mi da prima o poi delle grandi soddisfazioni.

Cosa ho scelto come primo articolo? Ovvio qualcosa che adoro e che ho preparto già mille volte: un dolce sfizioso e cioccolatoso – i brownies alle le noci.

Con i primi freddi, un dolce al cioccolato..ci sta . Vero? Ancora meglio se aggiungiamo delle buonissime noci di stagione.

Brownie alle noci. Ingredienti:

  • 200 g di cioccolato fondente, almeno un 70%
  • 230 g burro
  • 80 g gherigli di noci
  • 80 g cacao amaro
  • 65 g di farina 00 (io uso di solito una farina più debole tipo frolla)
  • 8 g lievito per i dolci
  • 1 pizzico di sale
  • 350 g zucchero di canna
  • 4 uova

Brownie alle noci. Preparazione:

Per prima tritate grossolanamente le noci.

Al bagno marie fatte sciogliere il cioccolato insieme al burro. Mescolate ogni tanto per ottenere un composto cremoso. Togliete dal fuoco e aggiungete la farina mescolata con lo zucchero, cacao, sale e lievito per i dolci. Mescolate piano, piano . Aggiungete le uova intere e le noci mescolate.

Trasferite l’impasto in una teglia rettangolare alta (20/16 cm) ricoperta con la carta da forno. Infornate per circa 35-40 minuti forno statico, parte centrale, a 180 gradi.

Fatte raffreddare un po prima di tagliarlo.

Lo potete servire con un ciuffo di panna montata zuccherata sopra, mescolata con della buccia di arancia grattugiata o con una pallina di gelato alla panna o vaniglia, se la torta è ancora tiepida.

Quando preparo questi brownie vano proprio a ruba. Si dimenticano tutti della dieta.